Mappe geografiche

Lotti consigliati

Basilio LASINIO, attribué à - "Atlante delle figure di tutti i Corpi dell'Esercito del Royaume d'Italie en grande tenue, y compris l'Etat-major général, selon l'ordre de Son Excellence le Ministre de la Guerre Pino au Bureau topographique de la Guerre, année 1806". In folio (33 x 48 cm), 42 pagine. Rilegato in marocchino verde (il colore del Regno d'Italia), riccamente decorato in oro con fogliami e fregi greci sulle tavole e sul dorso. Fodera in seta rosa. In un'antica ma più tarda cartonatura. Importante collezione che presenta: -Un frontespizio manoscritto in italiano "Atlante dé Figurini di tutti i Corpi dell'Armata del Regno d'Italia in grande tenuta, non escluso lo Stato-Maggiore Generale, eseguito per ordine di S.E. il Ministro della Guerra Pino nell'Ufficio Topografico della Guerra. Anno 1806". -Una pagina di indice che riporta le quaranta tavole di uniformi dei vari corpi del Regio Esercito Italiano contenute nella collezione. Un insieme di 40 tavole a penna e inchiostro, acquerellate e arricchite con oro e argento (lieve usura), con didascalie in italiano (qui tradotte), per un totale di 107 figure e uniformi. Periodo del Primo Impero (1806). Provenienza: -Principe Eugène de Beauharnais, viceré d'Italia, figlio dell'imperatrice Giuseppina, figlio adottivo dell'imperatore Napoleone I, con il titolo di Duca di Leuchtenberg nel 1817. Leuchtenberg nel 1817. -Discendenti dei duchi di Leuchtenberg. -Asta del 23 e 24 maggio 1935 a Zurigo relativa alla Bibliothèque Eugène de Beauharnais et des Ducs de Leuchtenberg dal castello di Seeon (Baviera), n. 42. -Da collezione privata. Contesto storico: Il nostro album è l'anello mancante nella nostra conoscenza della creazione di uniformi per l'esercito del giovane Regno d'Italia. Offerto dal servizio topografico del Ministro della Guerra del Regno d'Italia al Viceré Euganeo. Regno d'Italia al Viceré Eugenio, questa fonte primaria fornisce una panoramica dell'esercito appena creato a partire dal luglio 1805, sia per le unità tradizionali come la cavalleria, la fanteria e l'artiglieria, sia per i corpi tecnici e amministrativi. La composizione e le uniformi di questo esercito furono radicalmente modificate l'anno successivo, con il regolamento del luglio 1807, rafforzando l'importanza del nostro documento. Alcune unità, come la fanteria e la cavalleria polacca, eredi delle legioni polacche al servizio della Repubblica Cisalpina, scomparvero dal regolamento italiano l'anno successivo. Il regio esercito italiano dimostrò grande coraggio al fianco dei francesi, in particolare in Spagna, Russia e Germania. Rientrò nel suo regno in buon ordine nel 1814, contenendo le truppe austriache, prima di passare al servizio austriaco dopo la caduta dell'Impero francese. Il nostro lavoro che illustra le uniformi dell'esercito italiano è stato prodotto dall'Ufficio Topografico della Guerra del Regno d'Italia ed è attribuibile al capitano Basilio Lasinio. Lasinio realizzò una serie di sei acquerelli delle uniformi della Repubblica Cisalpina intorno al 1804, firmati e nello stesso stile delle nostre tavole (conservati nella Collezione Brown). Biografie: Eugène de BEAUHARNAIS (1781-1824) Nato nel 1781, divenne aiutante di campo di Bonaparte, suo nuovo suocero, nel 1797. Presente in Egitto e a Marengo, percorse una brillante carriera militare prima di essere nominato viceré d'Italia. Adottato ufficialmente da Napoleone nel 1806, sposò la figlia del re di Baviera, Auguste-Amoire. Baviera, Auguste-Amélie, un matrimonio felice che generò sei figli. Coperto di gloria durante la campagna di Russia, la sua fedeltà all'Imperatore gli valse il rispetto di tutti, degno del motto che aveva adottato: "Onore e fedeltà". Dopo Waterloo, si rifugiò a Monaco, dove il suocero lo nominò duca di Leuchtenberg, e si dedicò ai suoi possedimenti. Rimase confidente e amico sincero della sorella Hortense. Hortense, le fece visita nel suo ritiro di Arenenberg, ma morì prematuramente a Monaco, dove fu sepolto nel 1824. Una delle sue figlie, Josephine de Leuchtenberg, sposò Oscar Bernadotte, principe reale di Svezia, che regnò dal 1844 al 1859. Fu così all'origine dei sovrani di Svezia, Norvegia, Danimarca, Belgio e Lussemburgo. Basilio LASINIO (1766-1832) Nato a? Treviso nel 1766 e formatosi artisticamente sotto la guida del fratello Carlo Lasinio (1759-1838), famoso incisore fiorentino, Basilio frequentò la Galleria degli Uffizi nella capitale medicea. Il 15 gennaio 1788, all'età di 22 anni, Basilio si arruolò nell'esercito della Serenissima come cadetto nel sedicesimo reggimento di Treviso. Servì i francesi dal 1797. Incisore, topografo e ufficiale, lavorò come artista per l'ufficio topografico del Ministero della Guerra del Regno d'Italia. Per ulteriori informazioni, si veda Massimo Rossi, "L'archivista e bibliotecario del corpo topografico del deposito della guerra di Milano (1801-1810), disponibile su Internet in italiano. Opere correlate: - C

Stima 4.000 - 6.000 EUR