1 / 5

Descrizione

Coperchio per ciotola Hogon Dogon Mali Dimensioni: 54,5 x 23 x 25 cm Provenienza: Collezione privata, Francia Collezione privata, Francia Collezione Christine Valluet, Francia Galerie Schoffel de Fabry, Francia Questo coperchio di ciotola cerimoniale proviene dalla zona nord-occidentale del nord-occidentale dell'altopiano di Bandiagara, nella regione centrata su Fombori e Douenza, appartiene a un corpus raro e ristretto di coppe sormontate da una figura equestre, comunemente note come coppa Hogon. coppa Hogon. L'Hogon, eminente capo religioso e figura investita di potere e autorità, era una figura rara. Queste ciotole erano destinate a contenere il cibo condiviso durante la sua investitura e le cerimonie più importanti. Questo oggetto sacro, di cui esistono solo una ventina di esemplari, è intimamente legato alla persona dell'Hogon o ôgô, colui che, agli occhi della sua comunità, diventava il sommo sacerdote del Lêwe (o Lèbè), il sovrano spirituale e l'"antenato vivente" designato dai suoi pari in virtù del suo diritto di nascita. Di questa coppa rimane solo il coperchio finemente inciso, con motivi simbolici a chevron relativi all'acqua, fonte della fertilità della terra: "Al servizio dei culti agrari, la sua natura è quella della Terra, femminile quando è fertile, maschile quando, nelle lunghe settimane che precedono l'inverno, non è che aridità". La parte superiore animata presenta un uomo alto a cavallo, il cui braccio brandisce una lancia scomparsa. Ai Djennenké, immigrati sull'altopiano di Bandiagara intorno al 1475, si deve senza dubbio l'adozione del cavallo moresco, l'unico ad essersi acclimatato al duro ambiente della savana sudanese e, soprattutto, a resistere alla tripanosomiasi. Un mezzo di trasporto preferito dagli indigeni È stato il mezzo di trasporto preferito dagli indigeni Dogon, ispirando gli scultori che ne hanno scolpito l'immagine in tutti i tipi di materiali, in tempi diversi, in una grande varietà di stili e su una grande varietà di superfici. L'animale incarna il Nommo, figlio di Dio, sacrificato e risorto, portato sulla terra in un'arca (Paudrat, J.-L., Dogon, Paris, 1994, p. 72) (aduno koro) in compagnia degli otto antenati primordiali dell'umanità. È spesso raffigurato con il suo cavaliere, l'Hogon, "il sommo sacerdote naturale degli spiriti ancestrali [...] in passato il suo potere era assoluto come grande leader politico, giudiziario e religioso". (Desplagnes, L., Le Plateau Central Nigérien, Parigi, 1907, p. 314). Oggi c'è un ampio consenso sul fatto che questo Hogon sia il cavaliere raffigurato sul coperchio della ciotola qui studiata e il suo utilizzatore esclusivo, in particolare durante le cerimonie che prevedono la condivisione del cibo. L'immagine del cavaliere è associata al potere dell'Hogon e ai suoi poteri. Hogon e ai suoi poteri. Il grande classicismo dell'opera si accompagna al singolare dettaglio del cavaliere che alza il braccio sinistro e alla patina scura e oleosa che ne testimonia l'arcaicità. Numerose riparazioni indigene, in particolare sul retro della coda dell'animale, rivelano il desiderio di preservare questa coppa sacra dalle ingiurie del tempo per poterla tramandare ai discendenti. Questo tipo di coppa non è unico, ma Tristan Tzara e Michel Périnet le hanno collezionate. La ricchezza della decorazione, in cui i galloni si fondono con le linee d'acqua e altri motivi tradizionali, il perfetto equilibrio della composizione e la precisione del tratto sono esaltati da una patina profonda, lucida e vellutata 1Legenda completa: "Contenitore trasportato da un quadrupede e chiuso da un coperchio ricavato dallo stesso pezzo di legno della cavalcatura e del cavaliere che lo decorano" in Level, A. e Clouzot, H., Sculptures africaines et océaniennes. Colonies françaises et Congo belge, Parigi, 1923, p. 21, pl. XIX

Tradotto automaticamente con DeepL.
Per visualizzare la versione originale, clicca qui.

13 
Vai al lotto
<
>

Coperchio per ciotola Hogon Dogon Mali Dimensioni: 54,5 x 23 x 25 cm Provenienza: Collezione privata, Francia Collezione privata, Francia Collezione Christine Valluet, Francia Galerie Schoffel de Fabry, Francia Questo coperchio di ciotola cerimoniale proviene dalla zona nord-occidentale del nord-occidentale dell'altopiano di Bandiagara, nella regione centrata su Fombori e Douenza, appartiene a un corpus raro e ristretto di coppe sormontate da una figura equestre, comunemente note come coppa Hogon. coppa Hogon. L'Hogon, eminente capo religioso e figura investita di potere e autorità, era una figura rara. Queste ciotole erano destinate a contenere il cibo condiviso durante la sua investitura e le cerimonie più importanti. Questo oggetto sacro, di cui esistono solo una ventina di esemplari, è intimamente legato alla persona dell'Hogon o ôgô, colui che, agli occhi della sua comunità, diventava il sommo sacerdote del Lêwe (o Lèbè), il sovrano spirituale e l'"antenato vivente" designato dai suoi pari in virtù del suo diritto di nascita. Di questa coppa rimane solo il coperchio finemente inciso, con motivi simbolici a chevron relativi all'acqua, fonte della fertilità della terra: "Al servizio dei culti agrari, la sua natura è quella della Terra, femminile quando è fertile, maschile quando, nelle lunghe settimane che precedono l'inverno, non è che aridità". La parte superiore animata presenta un uomo alto a cavallo, il cui braccio brandisce una lancia scomparsa. Ai Djennenké, immigrati sull'altopiano di Bandiagara intorno al 1475, si deve senza dubbio l'adozione del cavallo moresco, l'unico ad essersi acclimatato al duro ambiente della savana sudanese e, soprattutto, a resistere alla tripanosomiasi. Un mezzo di trasporto preferito dagli indigeni È stato il mezzo di trasporto preferito dagli indigeni Dogon, ispirando gli scultori che ne hanno scolpito l'immagine in tutti i tipi di materiali, in tempi diversi, in una grande varietà di stili e su una grande varietà di superfici. L'animale incarna il Nommo, figlio di Dio, sacrificato e risorto, portato sulla terra in un'arca (Paudrat, J.-L., Dogon, Paris, 1994, p. 72) (aduno koro) in compagnia degli otto antenati primordiali dell'umanità. È spesso raffigurato con il suo cavaliere, l'Hogon, "il sommo sacerdote naturale degli spiriti ancestrali [...] in passato il suo potere era assoluto come grande leader politico, giudiziario e religioso". (Desplagnes, L., Le Plateau Central Nigérien, Parigi, 1907, p. 314). Oggi c'è un ampio consenso sul fatto che questo Hogon sia il cavaliere raffigurato sul coperchio della ciotola qui studiata e il suo utilizzatore esclusivo, in particolare durante le cerimonie che prevedono la condivisione del cibo. L'immagine del cavaliere è associata al potere dell'Hogon e ai suoi poteri. Hogon e ai suoi poteri. Il grande classicismo dell'opera si accompagna al singolare dettaglio del cavaliere che alza il braccio sinistro e alla patina scura e oleosa che ne testimonia l'arcaicità. Numerose riparazioni indigene, in particolare sul retro della coda dell'animale, rivelano il desiderio di preservare questa coppa sacra dalle ingiurie del tempo per poterla tramandare ai discendenti. Questo tipo di coppa non è unico, ma Tristan Tzara e Michel Périnet le hanno collezionate. La ricchezza della decorazione, in cui i galloni si fondono con le linee d'acqua e altri motivi tradizionali, il perfetto equilibrio della composizione e la precisione del tratto sono esaltati da una patina profonda, lucida e vellutata 1Legenda completa: "Contenitore trasportato da un quadrupede e chiuso da un coperchio ricavato dallo stesso pezzo di legno della cavalcatura e del cavaliere che lo decorano" in Level, A. e Clouzot, H., Sculptures africaines et océaniennes. Colonies françaises et Congo belge, Parigi, 1923, p. 21, pl. XIX

Stima 15 000 - 30 000 EUR

Escluse le commissioni di vendita.
Consulta le condizioni di vendita per calcolare l’importo delle spese.

Spese di vendita: 30 %
Fai un'offerta
Iscriversi all’asta

In vendita il martedì 18 giu : 14:00 (CEST)
paris, Francia
Coutau-Bégarie
+33145561220

Exposition des lots
samedi 15 juin - 11:00/18:00, Salle 7 - Hôtel Drouot
lundi 17 juin - 11:00/18:00, Salle 7 - Hôtel Drouot
mardi 18 juin - 11:00/12:00, Salle 7 - Hôtel Drouot
Visualizza il catalogo Consulta le CGV Informazioni sull’asta

Consegna a
Modifica dell'indirizzo
Questa soluzione di spedizione è facoltativa..
Potete utilizzare un corriere di vostra scelta.
Il prezzo indicato non include il prezzo del lotto o le commissioni della casa d'aste.