Null Figura protettiva ''hampatong'' in legno di ferro
Indonesia, Borneo, Kalima…
Descrizione

Figura protettiva ''hampatong'' in legno di ferro Indonesia, Borneo, Kalimantan, probabilmente est, Kajan o Bahau-Dayak, inizio XX secolo. H. 233 cm ( o.S. ) Questa scultura lignea hampatong è realizzata con un unico pezzo di legno di ferro (belian, Eusideroxylon zwageri). Si tratta di un'opera d'arte di grande individualità. Il motivo principale di questo hampatong è una figura di Giano (a doppio sesso), la cui parte maschile tiene in mano un pesce. La parte femminile della scultura si tocca l'ombelico, un riferimento alla nascita, alla fertilità e alla vitalità. La parte maschile con il pesce in mano è simbolicamente collegata al nutrimento del clan da parte del cacciatore e del pescatore, attività maschili, per cui il pesce ha anche una componente fallica. Sopra la figura di Giano, una strana creatura ibrida doppia si aggrappa al tronco di sostegno, una combinazione di umano, demone e drago aso acquatico, per cui l'aso che indica "Giano" custodisce e governa il mondo dell'aldilà ed è responsabile del rinnovamento della vita. È "alimentato" dalla caccia alla testa, che trasmette sempre nuova vita nel suo regno, che può poi essere ridedicato alla fertilità e al rinnovamento dallo sciamano: il manang interiore. Lo stile astratto dell'aso si riferisce chiaramente alla notevole tradizione artistica del Kalimantan orientale. Il belian è un albero sempreverde, a crescita molto lenta, con una folta chioma che raggiunge oltre 50 metri di altezza nel Borneo e a Sumatra. Il diametro del tronco raggiunge i 150-250 centimetri (sono stati osservati fino a 5,7 metri). L'albero può vivere per oltre 1000, probabilmente anche 2000 anni ed è sacro ai Dajak. Il legno è estremamente denso e resistente. Hampatong è il nome dato alle figure di antenati e protettori realizzate con il suo legno, che richiedono gli strumenti e le abilità migliori (in acciaio) a causa della durezza del materiale. Vengono eretti da tutti i gruppi Dayak come sculture commemorative per i defunti nei luoghi di sepoltura o come guardiani davanti alle longhouse. Da una vecchia collezione privata tedesca, raccolta dagli anni '50 - Minima. Minime tracce di età, alcuni piccoli pezzi montati.

1529 

Figura protettiva ''hampatong'' in legno di ferro Indonesia, Borneo, Kalimantan, probabilmente est, Kajan o Bahau-Dayak, inizio XX secolo. H. 233 cm ( o.S. ) Questa scultura lignea hampatong è realizzata con un unico pezzo di legno di ferro (belian, Eusideroxylon zwageri). Si tratta di un'opera d'arte di grande individualità. Il motivo principale di questo hampatong è una figura di Giano (a doppio sesso), la cui parte maschile tiene in mano un pesce. La parte femminile della scultura si tocca l'ombelico, un riferimento alla nascita, alla fertilità e alla vitalità. La parte maschile con il pesce in mano è simbolicamente collegata al nutrimento del clan da parte del cacciatore e del pescatore, attività maschili, per cui il pesce ha anche una componente fallica. Sopra la figura di Giano, una strana creatura ibrida doppia si aggrappa al tronco di sostegno, una combinazione di umano, demone e drago aso acquatico, per cui l'aso che indica "Giano" custodisce e governa il mondo dell'aldilà ed è responsabile del rinnovamento della vita. È "alimentato" dalla caccia alla testa, che trasmette sempre nuova vita nel suo regno, che può poi essere ridedicato alla fertilità e al rinnovamento dallo sciamano: il manang interiore. Lo stile astratto dell'aso si riferisce chiaramente alla notevole tradizione artistica del Kalimantan orientale. Il belian è un albero sempreverde, a crescita molto lenta, con una folta chioma che raggiunge oltre 50 metri di altezza nel Borneo e a Sumatra. Il diametro del tronco raggiunge i 150-250 centimetri (sono stati osservati fino a 5,7 metri). L'albero può vivere per oltre 1000, probabilmente anche 2000 anni ed è sacro ai Dajak. Il legno è estremamente denso e resistente. Hampatong è il nome dato alle figure di antenati e protettori realizzate con il suo legno, che richiedono gli strumenti e le abilità migliori (in acciaio) a causa della durezza del materiale. Vengono eretti da tutti i gruppi Dayak come sculture commemorative per i defunti nei luoghi di sepoltura o come guardiani davanti alle longhouse. Da una vecchia collezione privata tedesca, raccolta dagli anni '50 - Minima. Minime tracce di età, alcuni piccoli pezzi montati.

Le offerte sono terminate per questo lotto. Visualizza i risultati