BOURDE de la ROGERIE (H. , Archiviste du département d’Ille et Vilaine) I breton…
Descrizione

BOURDE de la ROGERIE (H. , Archiviste du département d’Ille et Vilaine)

I bretoni nelle isole di Francia e Borbone (Mauritius e Reunion) nei secoli XVII e XVIII Rennes. Imprimerie Oberthur, 1934. Grande in 8°. Brossura. 420 pagine.

19 

BOURDE de la ROGERIE (H. , Archiviste du département d’Ille et Vilaine)

Le offerte sono terminate per questo lotto. Visualizza i risultati

Forse ti piacerebbe anche

OSCAR DOMÍNGUEZ PALAZÓN (La Laguna, Tenerife, 1906 - Parigi, 1957). "Nature morte aux fruits", 1945. Olio su tela. Firmato in basso a destra. Con etichetta della Sala Parés sul retro. Allegato certificato rilasciato da Ana Mª Vázquez de Parga. Misure: 30 x 40,5 cm; 58 x 68 cm (cornice). Natura morta di Óscar Domínguez, appartenente alla fase della maturità. Con audacia, il pittore canario riduce il mondo a un puzzle di frammenti tagliati, ridotti a forme elementari e applicazioni di colore per piani. Così, piatti e fontane sono ridotti a cerchi e ovali, su cui poggiano ciliegie e arance arrotondate. La finestra è un rettangolo che contiene una sezione solida di mare e un pezzo di cielo. Una tenda cade con linee verticali come pali. La pulizia delle forme è esaltata dall'uso di una spessa linea nera. Vale la pena ricordare che l'opera è certificata da Ana Vázquez de Parga, che ha compiuto un grande studio sulle opere di Oscar Domínguez, evidenziando la sua partecipazione come curatrice della mostra "Oscar Domínguez 1926-1957, una retrospettiva". Domínguez apparteneva alla Generazione del 1927 e inventò la decalcomania, una tecnica pittorica che consiste nell'applicare della gouache nera su un foglio di carta, che viene posto sopra un altro foglio su cui si esercita una leggera pressione, per poi staccare entrambe le carte prima che si asciughino. Nel 1927, per affari di famiglia, Domínguez si reca per la prima volta a Parigi. Tornato l'anno successivo, entra in contatto con il movimento surrealista e in particolare con la sua figura centrale, André Breton. Questo gruppo segnerà la sua carriera fino all'espulsione per essersi avvicinato alla pittura di Picasso. Il suo debutto individuale avviene nel 1933, al Círculo de Bellas Artes di Santa Cruz de Tenerife e a Las Palmas de Gran Canaria. Nel 1935 partecipa all'Esposizione surrealista di Santa Cruz de Tenerife, dove firma il manifesto "Du temps que les surréalistes aviaient raison". Importanti sono anche i suoi oggetti surrealisti, alcuni dei quali esposti a Parigi, all'Exposition Surréaliste d'Objets de la Galerie Charles Ratton nel 1936. A causa della guerra civile andò in esilio in Francia, trascorrendo praticamente il resto dei suoi giorni nella capitale. L'artista visse gli ultimi anni della sua vita come un prigioniero della follia dopo aver sofferto di acromegalia, una malattia degenerativa che deformava il suo fisico e faceva crescere straordinariamente il suo cranio. La notte di Capodanno del 1957 si suicidò a Parigi, completamente ubriaco, aprendosi le vene nel bagno di una festa data dalla sua amica, la viscontessa di Noaffles. Domínguez è oggi considerato uno dei massimi esponenti mondiali dell'avanguardia storica spagnola sviluppatasi a Parigi nei primi decenni del XX secolo. In generale, le figure e gli oggetti che compongono le sue opere surrealiste contengono riferimenti magici, meccanici e sessuali, molti dei quali ambientati nel paesaggio delle Isole Canarie, nonostante abbia vissuto la maggior parte della sua vita a Parigi. Il contributo più importante che Óscar Domínguez diede al surrealismo fu l'invenzione della decalcomania o decalcomania, una tecnica in cui l'automatismo psichico giocava un ruolo da protagonista assoluto. Questo procedimento ebbe una magnifica accettazione da parte dei surrealisti che lo adottarono rapidamente e che in seguito influenzarono la pittura espressionista astratta. La decalcomania consiste nell'introdurre della gouache nera liquida tra due fogli di carta premendoli in modo incontrollato. Un altro suo contributo al movimento surrealista fu la teoria della pietrificazione del tempo, grazie alla quale iniziò a introdurre nelle sue composizioni forme cristallizzate e strutture di reti angolari. Ci sono pietrificazioni di questo stile nei dipinti di René Magritte.