1 / 5

Descrizione

BERNAR VENET (Château-Arnoux-Saint-Auban, Francia, 1941). "Punto 18 cm", 1994-2009. Set di due pezzi in acciaio cerato tagliato con la fiamma ossidrica. Allegato certificato rilasciato dall'Archivio dello Studio Bernar Venet firmato dall'artista. Misure: 10 x 18 cm. Quest'opera, composta da due sculture in acciaio cerato sulla cui parte superiore si legge "punto", è stata scelta per illustrare il catalogo della mostra di Bernar Venet "L'hypothèse du point", tenutasi all'Espace Jacques Villeglé di Saint-Gratien nella primavera del 2014. Per la mostra, Bernar Venet ha creato una serie di grandi sculture, punti che a prima vista sembrano sproporzionati, ma che mettono in discussione la scala e ci ricordano che, visti dal cielo, sono ancora una volta la più piccola porzione di spazio concepibile. È stata la prima volta che una mostra e un catalogo sono stati dedicati interamente ai punti e alle loro variazioni, opere capitali nel corpus creativo di Bernar Venet. In questo particolare lavoro, l'artista crea una doppia affermazione, o riaffermazione, non solo attraverso la forma, ma anche attraverso le parole. Così come Magritte giocava con lo spettatore dicendogli che non era una pipa, Venet non lascia spazio a dubbi sulla forma e sull'idea del punto. Bernar Venet è nato ad Alpes-de-Haute-Provence ma vive e lavora a New York dal 1966. Il suo lavoro ha esplorato una varietà di media - scultura, pittura, fotografia, film, performance, musica e design - mantenendo sempre il desiderio che le sue opere generino domande e portino qualcosa di nuovo nel mondo dell'arte. Nel 2011 lo scultore ha installato opere monumentali nei giardini di Versailles1 e nel domaine de Marly. Le opere di Venet fanno parte della collezione di prestigiosi musei come il Museum of Modern Art di New York, il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, la National Gallery of Art di Washington, l'Hirshhorn Museum and Sculpture Garde di Washington e il Museum of Contemporary Art di Chicago. Ad oggi, ha più di 30 opere monumentali e sculture pubbliche installate in città di tutto il mondo come Parigi, Berlino, Tokyo e Denver. Ha partecipato a Documenta 6 e alla 56a Biennale di Venezia. Nel corso della sua carriera ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Grand Prix des Arts de la Ville de Paris, la decorazione di Chevalier de la Légion d'Honneur e l'International Sculpture Center's 2016 Lifetime Achievement. Eventi recenti: 2021 Grande mostra "L'hypothèse de la gravité" al Louvre-Lens durante l'estate e la mostra RELIEFS alla Galerie der Stadt Tuttlingen in Germania. Numerose le pubblicazioni di quest'anno, a partire dal catalogo della mostra al Louvre-Lens pubblicato con Skira, oltre ai libri sul Tas de charbon (Pile of charbon), uno studio sull'opera su carta di Venet (Dessins), un catalogo ragionato sull'intera opera fotografica dell'artista e, infine, un libro sulla Fondazione Venet. Anno 2022: una retrospettiva di cinque mesi che copre la carriera dell'artista dal 1961 al 2021, concentrandosi su performance, dipinti e sculture, su una superficie di 8.000 m2, presso la Tempelhof Kunsthalle di Berlino. Un catalogo della mostra è pubblicato dalle éditions Dilecta. Pubblicazione della biografia Bernar Venet. Toute une vie pour l'art, di Catherine Francblin (éditions Gallimard), e un catalogo ragionato sull'opera fotografica dell'artista (éditions Marval-Rue Visconti) accompagnato da stampe fotografiche nella sua galleria. La mostra "Si les canards pataugent alors 5 est un nombre premier" al Centre International de Poésie de Marseille (CIPM), curata dal direttore Michaël Batalla, è seguita da letture di poesie e da una conferenza. Mostra presso Waddington Custot (Londra) con l'opera di Venet sugli angoli. Mostra presso Kasmin (New York), dove Venet esegue il brano Accident e per il quale viene pubblicato un catalogo della mostra (con un testo di Maurice Fréchuret). 2023 Mostre nelle tre gallerie parigine di Perrotin, dove Venet presenta nuovi dipinti, GRIBS, opere su carta e una doppia installazione di Archi in Place Vendôme (a cura di Jérôme Sans), seguita da conferenze con Thierry Raspail, Philippe Piguet, Guy Boyer e Catherine Francblin. The Coal Pile (1963) celebra il suo 60° anniversario con quattro presentazioni in Francia, al 109 di Nizza (con una mostra che presenta le opere dell'artista dal 1963 in poi), al Musée Fabre di Montpellier, al Château de Montsoreau nella Valle della Loira (dove sarà esposto anche il periodo concettuale dell'artista), alla Verrière de Meisenthal (accanto a due imponenti sculture) e, infine, una in Lussemburgo, presso Ceysson & Bénétière. Alla Fondation Venet, un'imponente installazione accoglie i visitatori estivi: una grande scultura con una struttura metropolitana di 6 metri (in collaborazione con l'architetto Charles Berthier).

Tradotto automaticamente con DeepL.
Per visualizzare la versione originale, clicca qui.

50 
Vai al lotto
<
>

BERNAR VENET (Château-Arnoux-Saint-Auban, Francia, 1941). "Punto 18 cm", 1994-2009. Set di due pezzi in acciaio cerato tagliato con la fiamma ossidrica. Allegato certificato rilasciato dall'Archivio dello Studio Bernar Venet firmato dall'artista. Misure: 10 x 18 cm. Quest'opera, composta da due sculture in acciaio cerato sulla cui parte superiore si legge "punto", è stata scelta per illustrare il catalogo della mostra di Bernar Venet "L'hypothèse du point", tenutasi all'Espace Jacques Villeglé di Saint-Gratien nella primavera del 2014. Per la mostra, Bernar Venet ha creato una serie di grandi sculture, punti che a prima vista sembrano sproporzionati, ma che mettono in discussione la scala e ci ricordano che, visti dal cielo, sono ancora una volta la più piccola porzione di spazio concepibile. È stata la prima volta che una mostra e un catalogo sono stati dedicati interamente ai punti e alle loro variazioni, opere capitali nel corpus creativo di Bernar Venet. In questo particolare lavoro, l'artista crea una doppia affermazione, o riaffermazione, non solo attraverso la forma, ma anche attraverso le parole. Così come Magritte giocava con lo spettatore dicendogli che non era una pipa, Venet non lascia spazio a dubbi sulla forma e sull'idea del punto. Bernar Venet è nato ad Alpes-de-Haute-Provence ma vive e lavora a New York dal 1966. Il suo lavoro ha esplorato una varietà di media - scultura, pittura, fotografia, film, performance, musica e design - mantenendo sempre il desiderio che le sue opere generino domande e portino qualcosa di nuovo nel mondo dell'arte. Nel 2011 lo scultore ha installato opere monumentali nei giardini di Versailles1 e nel domaine de Marly. Le opere di Venet fanno parte della collezione di prestigiosi musei come il Museum of Modern Art di New York, il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, la National Gallery of Art di Washington, l'Hirshhorn Museum and Sculpture Garde di Washington e il Museum of Contemporary Art di Chicago. Ad oggi, ha più di 30 opere monumentali e sculture pubbliche installate in città di tutto il mondo come Parigi, Berlino, Tokyo e Denver. Ha partecipato a Documenta 6 e alla 56a Biennale di Venezia. Nel corso della sua carriera ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Grand Prix des Arts de la Ville de Paris, la decorazione di Chevalier de la Légion d'Honneur e l'International Sculpture Center's 2016 Lifetime Achievement. Eventi recenti: 2021 Grande mostra "L'hypothèse de la gravité" al Louvre-Lens durante l'estate e la mostra RELIEFS alla Galerie der Stadt Tuttlingen in Germania. Numerose le pubblicazioni di quest'anno, a partire dal catalogo della mostra al Louvre-Lens pubblicato con Skira, oltre ai libri sul Tas de charbon (Pile of charbon), uno studio sull'opera su carta di Venet (Dessins), un catalogo ragionato sull'intera opera fotografica dell'artista e, infine, un libro sulla Fondazione Venet. Anno 2022: una retrospettiva di cinque mesi che copre la carriera dell'artista dal 1961 al 2021, concentrandosi su performance, dipinti e sculture, su una superficie di 8.000 m2, presso la Tempelhof Kunsthalle di Berlino. Un catalogo della mostra è pubblicato dalle éditions Dilecta. Pubblicazione della biografia Bernar Venet. Toute une vie pour l'art, di Catherine Francblin (éditions Gallimard), e un catalogo ragionato sull'opera fotografica dell'artista (éditions Marval-Rue Visconti) accompagnato da stampe fotografiche nella sua galleria. La mostra "Si les canards pataugent alors 5 est un nombre premier" al Centre International de Poésie de Marseille (CIPM), curata dal direttore Michaël Batalla, è seguita da letture di poesie e da una conferenza. Mostra presso Waddington Custot (Londra) con l'opera di Venet sugli angoli. Mostra presso Kasmin (New York), dove Venet esegue il brano Accident e per il quale viene pubblicato un catalogo della mostra (con un testo di Maurice Fréchuret). 2023 Mostre nelle tre gallerie parigine di Perrotin, dove Venet presenta nuovi dipinti, GRIBS, opere su carta e una doppia installazione di Archi in Place Vendôme (a cura di Jérôme Sans), seguita da conferenze con Thierry Raspail, Philippe Piguet, Guy Boyer e Catherine Francblin. The Coal Pile (1963) celebra il suo 60° anniversario con quattro presentazioni in Francia, al 109 di Nizza (con una mostra che presenta le opere dell'artista dal 1963 in poi), al Musée Fabre di Montpellier, al Château de Montsoreau nella Valle della Loira (dove sarà esposto anche il periodo concettuale dell'artista), alla Verrière de Meisenthal (accanto a due imponenti sculture) e, infine, una in Lussemburgo, presso Ceysson & Bénétière. Alla Fondation Venet, un'imponente installazione accoglie i visitatori estivi: una grande scultura con una struttura metropolitana di 6 metri (in collaborazione con l'architetto Charles Berthier).

Stima 25 000 - 30 000 EUR
Base d'asta 14 000 EUR

Escluse le commissioni di vendita.
Consulta le condizioni di vendita per calcolare l’importo delle spese.

Spese di vendita: 24 %

In vendita il mercoledì 12 giu : 14:30 (CEST)
wwwsetdartcom, pays.null
Setdart.com
+34932463241
Visualizza il catalogo Consulta le CGV Informazioni sull’asta

Consegna a
Modifica dell'indirizzo
Questa soluzione di spedizione è facoltativa..
Potete utilizzare un corriere di vostra scelta.
Il prezzo indicato non include il prezzo del lotto o le commissioni della casa d'aste.