Sedie

Lotti consigliati

JORGEN KASTHOLM (Danimarca, 1931-2007) e PREBEN FABRICIUS (Danimarca, 1931-1984) per LANGE PRODUCTION. Chaise longue "Grasshopper", modello FK-87, design 1967. Acciaio cromato, tessuto di tela, cuscini sciolti e cuscino del collo rivestiti in pelle anilina color cognac. Braccioli allacciati in pelle di bardatura. Lange Production Editor. Nuovo di zecca, Consegnato in confezione originale. Con foto del modello. Misure: 81 x 150 cm. Questo progetto è stato creato dai designer Preben Fabricius e Jørgen Kastholm ed è costituito da una struttura leggera in acciaio cromato, la cui forma ricorda una cavalletta, e da un tessuto teso che funge da supporto per il cuscino che vi è sciolto sopra, oltre a un poggiatesta in pelle color cognac. Il suo design sobrio, leggero ed elegante, dalle linee semplici, si traduce in un prodotto senza tempo che allo stesso tempo cattura lo spirito genuino dell'epoca. È un mobile che riunisce in un unico oggetto design, materiali di qualità e funzionalità. L'architetto e designer danese Jørgen Kastholm ha iniziato la sua formazione come fabbro, ma l'ha presto abbandonata per dedicarsi al design di mobili. Ha frequentato la Copenhagen School of Interior Design, dove ha ricevuto l'insegnamento di Finn Juhl. Lì incontra anche l'ebanista Preben Fabricius, che in seguito diventerà suo socio. I due condividono una visione comune del design dei mobili, basata sul minimalismo e sulla qualità e ispirata alle creazioni di Charles Eames e Mies van der Rohe. La loro ricerca era quella di raggiungere un ideale che, per la sua semplicità, fosse senza tempo. Nel 1961 fondarono uno studio insieme a Gentofte e quattro anni dopo presentarono i loro primi progetti alla fiera del mobile Federicia, dove attirarono l'attenzione del produttore di mobili tedesco Alfred Kill. Quest'ultimo offrì loro un contratto vantaggioso che consentiva loro di lavorare liberamente, così Kastholm e Fabricius si trasferirono a Stoccarda con i loro primi progetti per avviare la produzione nella fabbrica di Kill. Poco dopo, fecero la loro prima apparizione internazionale alla fiera di Colonia del 1966, dove esposero una serie completa di mobili per la casa e l'ufficio, sviluppati a partire da dieci dei loro progetti originali. Le loro creazioni minimaliste, allo stesso tempo attraenti e confortevoli, erano generalmente mobili in acciaio e pelle. I due creatori lavorarono insieme tra il 1961 e il 1968, un periodo di sette anni in cui produssero numerosi progetti oggi considerati classici, come la Tulip Chair FK 6725, la Grasshopper FK 87 o la Scimitar. Sempre in questo periodo, i loro mobili hanno fatto parte di importanti mostre internazionali, tenute in centri di rilievo come il MOMA di New York (1967) o il Musée d'Art Moderne di Parigi (1967). Oggi i progetti di Kastholm e Fabricius sono esposti al MACBA di Barcellona, al MOMA di New York, al Musée d'Art Moderne di Parigi, al Ringling Museum in Florida, al Museo d'Arte di Brasilia, al Design Center di Stoccarda, alla Haus Industriform di Essen, alla Neue Sammlung di Monaco di Baviera, alla Staatsgemäldesammlung Bayer di Monaco di Baviera, al Kunstindustrimuseum di Berlino, al Kunststofmuseum di Düsseldorf, al World Import Mart Museum e all'History + Folkways Museum in Giappone e al Museum für Angewandte Kunstgeschichte di Colonia.

Stima 7.000 - 8.000 EUR

HARRY BERTOIA (Italia, 1915 - USA, 1978) per Knoll. Coppia di sedie "Diamond". Base cromata e rivestimento in tessuto. Buone condizioni. Con timbro Knoll inciso. Misure: 75 x 85 x 75 cm. La struttura della sedia Diamond ha un design traforato che le conferisce un'estetica leggera e ariosa. La seduta è caratterizzata da lati leggermente ribaltati che completano le linee leggermente appuntite dello schienale, creando la forma di un diamante. Le sottili gambe in metallo contribuiscono al look minimalista. Pittore, grafico, scultore, professore universitario e designer di mobili, Harry Bertoia emigrò negli Stati Uniti all'età di quindici anni, dove sviluppò la sua formazione e la sua carriera. Studia alla Detroit Society of Arts and Crafts e successivamente alla Cranbrook Academy of Art di Bloomfield, nel Michigan, dove diventa insegnante e crea il dipartimento di lavorazione dei metalli. In questi anni inizia a sperimentare le forme della gioielleria e a esplorare idee che in seguito emergeranno nella scultura e nel design. Nel 1943 inizia la collaborazione con il designer Charles Eames, con il quale lavorerà fino al 1946. Dopo un periodo di lavoro presso la Point Loma Navel Electronics come creatore di manuali di apparecchiature, nel 1949 si unisce a Hans Knoll presso la Knoll Associates. La sua prima mostra di scultura ha luogo presso lo showroom Knoll di New York nel 1951 e l'anno successivo Knoll brevetta il suo progetto di mobili più famoso, la sedia "Diamond" in tondino saldato. I progetti di Bertoia sono oggi presenti nelle collezioni dei principali musei di design e di arte contemporanea, tra cui il MoMA di New York e molti altri.

Stima 3.000 - 3.200 EUR

HARRY BERTOIA (Italia, 1915 - USA, 1978). Sedia per bambini, 1950. Metallo smaltato nero. Il metallo presenta una leggera ossidazione. Misure: 65 x 53 x 49 cm. La seduta e lo schienale di questa sedia per bambini hanno un design traforato che le conferisce un'estetica leggera e ariosa. La seduta presenta lati leggermente inclinati che completano le linee arrotondate dello schienale. Le sottili gambe in metallo contribuiscono al look minimalista della sedia. Pittore, grafico, scultore, professore universitario e designer di mobili, Harry Bertoia emigrò negli Stati Uniti all'età di quindici anni, dove sviluppò la sua formazione e la sua carriera. Studia alla Detroit Society of Arts and Crafts e poi alla Cranbrook Academy of Art di Bloomfield, nel Michigan, dove in seguito insegna e crea il dipartimento di lavorazione dei metalli. In questi anni inizia a sperimentare forme di gioielleria e a esplorare idee che poi emergeranno nella scultura e nel design. Nel 1943 inizia la collaborazione con il designer Charles Eames, con cui lavorerà fino al 1946. Dopo un periodo di lavoro presso la Point Loma Navel Electronics come creatore di manuali di apparecchiature, nel 1949 si unisce a Hans Knoll presso la Knoll Associates. La sua prima mostra di scultura ha luogo presso lo showroom Knoll di New York nel 1951, e l'anno successivo Knoll brevetta il suo più famoso progetto di mobili, la sedia "Diamond" a barre saldate. I progetti di Bertoia sono attualmente presenti nelle collezioni di importanti musei di arte contemporanea e design, come il MoMA di New York e molti altri.

Stima 500 - 600 EUR

LUDWIG MIES VAN DER ROHE (Germania, 1886 - USA, 1969). Sedia "Barcelona", progettata per l'Esposizione Internazionale di Barcellona del 1929. Struttura in acciaio inossidabile. Cinghie in pelle marrone. Sedile e schienale successivamente rivestiti in pelle cognac. Edizione degli anni '60 Presenta segni di usura. La tappezzeria è nuova. Misure: 75 x 77 x 80 cm. La sedia Barcelona (modello MR90) è un classico del design industriale del XX secolo. Mies van der Rohe la creò, insieme al pouf e al tavolino coordinato, per il padiglione tedesco dell'Esposizione Internazionale di Barcellona del 1929, un edificio che fu anche una pietra miliare dell'architettura del secolo scorso. Le sedie furono talmente ammirate che vennero utilizzate come trono per il re e la regina di Spagna quando visitarono il padiglione di Barcellona. Si trattava di sedute con una struttura interamente in acciaio inossidabile lucidato, con la seduta e lo schienale interamente rivestiti di pelle di maiale. Più tardi, nel 1950, furono apportate alcune modifiche al progetto per la produzione in serie. Van der Rohe ha basato la sua creazione, nel suo personale marchio di classicismo moderno, sulla "sella curulis", un tipo di sedile utilizzato dai magistrati romani nell'antichità. D'altra parte, l'unione visibile della struttura e dei cuscini della seduta come componenti separati e l'uso combinato di materiali tradizionali e moderni, adeguatamente abbinati alla loro funzione, rivelano in modo eloquente la visione personale di Mies dello stile internazionale. Oggi sia la sedia Barcelona che il pouf e il tavolino abbinati sono ancora prodotti da Knoll, l'azienda che acquistò la licenza dall'architetto nel 1953. I modelli moderni sono prodotti in due diverse configurazioni di acciaio e in vari tipi di pelle in diversi colori. Esempi della sedia Barcelona si trovano in importanti collezioni di tutto il mondo, come il MoMA di New York. Architetto e designer industriale, Mies van der Rohe si è formato con Bruno Paul e Peter Behrens e ha aperto il suo studio a Berlino nel 1912. Tra il 1930 e il 1933 diresse il Bauhaus di Dessau, ma la situazione politica in Germania lo costrinse poco dopo a emigrare negli Stati Uniti. Lì continuò la sua brillante carriera, insegnando allo stesso tempo all'Illinois Technology Institute di Chicago. Durante la sua carriera progettò edifici emblematici, soprattutto in Germania e negli Stati Uniti, in particolare i grattacieli di New York e Chicago, il Padiglione tedesco per l'Esposizione Internazionale di Barcellona del 1929 e la NeueNationalgalerie di Berlino.

Stima 3.000 - 3.500 EUR

CHARLES EAMES (USA, 1907 - 1978) E RAY EAMES (USA, 1912 - 1988) per VITRA. Set di sei sedie da ufficio, modello EA-108. Progettato nel 1958. Rivestimenti originali in pelle nera, schienale con luppolo, base e braccioli in alluminio lucidato, base con funzione girevole. Con marchi Vitra. Con normali segni di usura. Misure: 82 x 58 x 58; 47 cm (altezza della seduta). Attualmente considerata un classico del design del XX secolo, la Aluminum Chair di Charles e Ray Eames è stata creata nel 1958 e da allora è stata prodotta ininterrottamente fino ad oggi. È nata per una casa privata a Columbus, negli Stati Uniti, costruita dagli architetti Saarinen e Girard. Nella Aluminum Chair, gli Eames adattarono la forma della seduta alla struttura della sedia stessa mettendo in tensione il tessuto o la pelle tra le due parti della struttura, lasciandola così rigida, ma mantenendo la sua elasticità. Questa forma elastica le permette di adattarsi facilmente ai contorni del corpo, in modo graduale, aumentando così il comfort della seduta. Il Un design così entusiasmante è stato accolto perfettamente sia dalla critica che dal pubblico, dando vita a una gamma completa di modelli per l'Eames Aluminum Group: le Aluminum Chairs EA 101, 103 e 104 (particolarmente adatte come sedie da pranzo), i modelli EA 105, 107 e 108 (sono utilizzati maggiormente nelle sale riunioni), le Aluminum Chairs EA 115, 116 e EA 124, 125 formano due gruppi di sedute e le versioni EA 117, 118 e 119 sono le sedie da lavoro di questa famiglia di prodotti. Il meccanismo di inclinazione del sedile può essere regolato in base al peso dell'utente, offrendo un comfort ottimale. Charles e Ray Eames, coppia di coniugi e coppia artistica, hanno lavorato nel campo del design industriale e grafico, delle belle arti e del cinema, e sono responsabili di numerosi progetti diventati classici del XX secolo. Sono stati pionieri nell'uso di nuove tecniche e materiali come la fibra di vetro o la resina plastica per la produzione di sedie e le loro creazioni sono esposte, tra l'altro, al Design Museum di Londra e al MoMA di New York.

Stima 6.000 - 7.000 EUR

VERNER PANTON (Danimarca, 1926 - 1998) per FRITZ HANSEN. Chaiselong "Relaxer Chair K". Disegnata nel 1973. Pelle nera capitonné. Prodotta da Fritz Hansen. Presenta segni d'uso. Misure: 102 x 137 x 60 cm. La Relaxer Chair K è una poltrona progettata per il comfort totale dell'utente. Il suo schienale alto e la sua forma ergonomica si adattano perfettamente al corpo di ogni utente. Verner Panton era famoso per le sue forme esuberanti e questa poltrona ne è un meraviglioso esempio. Considerato una delle personalità più influenti del design dell'arredamento del tardo XX secolo, Verner Panton ha creato nel corso della sua carriera una varietà di progetti innovativi e futuristici, soprattutto costruiti in plastica e dai colori vivaci. La maggior parte dei suoi progetti più noti sono ancora in produzione. Verner ha frequentato la Scuola Tecnica di Odense e poi ha studiato architettura all'Accademia Reale di Belle Arti di Copenaghen, diplomandosi nel 1951. Nei primi anni della sua carriera, tra il 1950 e il 1942, ha lavorato nello studio di architettura di Arne Jacobsen. Nel 1955 aprì il proprio studio di architettura e design, diventando famoso con i suoi mobili basati su forme geometriche, prodotti dall'azienda Plus-linje. Alla fine degli anni Cinquanta le sue sedie, prive di gambe e di schienale, diventano sempre più anticonvenzionali. Negli anni Sessanta Panton iniziò la sua collaborazione con l'azienda Vitra, che da allora è stata molto stretta e che è culminata nel 2000 con la mostra retrospettiva Panton tenutasi al Vitra Design Museum. Attualmente è rappresentato, tra gli altri, al DesignMuseum di Londra e al MoMA di New York.

Stima 2.500 - 3.000 EUR

JORDI VILANOVA (Barcellona, 1925-1998). Legno di pino. Misure: 80 x 165 x 46 cm. Sia la seduta che lo schienale di questa panca sono realizzati con spesse doghe di legno. È un mobile dall'esecuzione impeccabile e dalla bellezza stilizzata di concezione moderna. Grande ammiratore e conoscitore del design nordico, Vilanova è conosciuto come l'introduttore in Spagna e Catalogna dei mobili in legno bianco, cioè senza colori o vernici lucide. Vilanova difende la funzionalità, la semplicità e la purezza delle sue opere, a metà strada tra tradizione e modernità. Designer d'interni ed ebanista catalano, Jordi Vilanova si iscrive nel 1939 alla Escuela de Trabajo y Oficios Artísticos de la Lonja. Ha completato la sua formazione nel laboratorio di Busquets e tra il 1940 e il 1953 ha collaborato nello studio di Lluís Gili. Jordi Vilanova è stato fondatore e promotore della rivista d'arte catalana "Questions d'Art" (1967-74). Nel 1974 ha aperto una sede con un'esposizione permanente di mobili e tappezzerie di sua progettazione, facendo parte del Collegio ufficiale dei decoratori e designer d'interni di Barcellona e del SAD. I suoi mobili moderni e il suo modo di risolvere gli spazi si rivolgevano inizialmente a un vasto pubblico dalle risorse economiche limitate e, di conseguenza, alle case con meno spazio vitale. Tuttavia, questa grande maggioranza non comprese la sua proposta. Fu invece la borghesia catalana, desiderosa di rompere con canoni stilistici superati, ad accogliere il suo lavoro. La sua specialità erano i mobili per bambini, come lo sgabello Delta, che vinse il Premio Delta de Plata assegnato dall'ADI/FAD nel 1964. Ha tenuto mostre del suo lavoro in Scandinavia. Tra i suoi progetti più rappresentativi vi sono le sedie Tiracord e Billar (1961), il letto a castello Montseny MP (1961), le sedie a dondolo Tartera (1966) e Petit (1978) e il portariviste Z (1987) progettato insieme al figlio Pau Vilanova Vila-Abadal. Attualmente è rappresentato al Museo del Design di Barcellona.

Stima 1.000 - 1.200 EUR