Opere d'arte

Per trasformare i propri interni, le aste di arti decorative offrono oggetti di uso quotidiano finemente decorati in bronzo, legno, ceramica, vetro, metallo, madreperla, tartaruga, avorio, tessuti, ecc.
"quando non puoi cambiare il mondo, devi cambiare l'arredamento", ha scritto daniel pennac. Le aste online di arti decorative riuniscono oggetti decorativi prodotti da artigiani di bronzo, ebanisteria, ceramica, vetro, argenteria e tappezzeria: cornici antiche e moderne, casse e scatole, specchi, vasi, oggetti da esposizione, tappeti e arazzi. L'ornamento trionfa negli specchi di legno intagliato e dorato, nei vasi di vetro di emile gallé e daum e nei tessuti stampati di william morris. Art nouveau, art deco, arts and craft combinano il bello e l'utile in queste aste di arti decorative, fino al design contemporaneo. Lo sapevi? Uno degli antenati del portagioie è il reliquiario, una grande scatola di pietra, legno o metallo riccamente decorata che contiene i resti o le reliquie di un santo.

Vedi altro

Lotti consigliati

LE COFFRE À BIJOUX DE L’IMPÉRATRICE JOSÉPHINE - Raro portagioie rettangolare in mogano fiammato su base smontabile, decorato con lastre di acciaio tagliate, lucidate e sfaccettate e cinque medaglioni in porcellana biscuit blu e bianca di Wedgwood decorati con scene antiche. È dotato sui lati e sulla parte superiore di una maniglia per il trasporto e sul fronte di una serratura segreta nascosta da una placca metallica recante il monogramma intrecciato "JB" di Giuseppina Bonaparte (sostituito nel modello Malmaison). L'interno a due livelli è rivestito in marocchino rosso, con la parte superiore formata da un vassoio diviso longitudinalmente in quattro scomparti e la parte inferiore anch'essa divisa in scomparti più profondi. La cassapanca in stile gotico può essere montata o smontata tramite due viti a testa quadrata inserite ai lati della parete, utilizzando una chiave mobile che permette di fissarla al suo supporto o a un pavimento in parquet tramite un sistema di viti. Poggia su una base rettangolare con quattro piedi a guaina in mogano senza traverse, anch'essa ornata da piastre in acciaio e da un medaglione centrale ottagonale in porcellana biscuit Wedgwood. Buono stato di conservazione, qualche scheggiatura. Con le sue due chiavi. Periodo del Consolato (1799-1804). Attribuito a Martin-Guillaume BIENNAIS (1764-1843) e a Reynard SCHEY (1760-1816) per gli ornamenti in acciaio. Dimensioni della cassa: H. 49 x L. 27 x P. 20 cm. Dimensioni totali con la base: H. 92 x L. 49 x P. 28,5 cm. Provenienza - Giuseppina Bonaparte (1763-1814), imperatrice di Francia dal 1804. - Donato da Giuseppina al suo intendente, M. Louis Pierlot (1766-1826). - Menzionato nella successione dei suoi beni nel 1833 (vedi sotto). - Poi al figlio Auguste Pierlot (1795-1864). - Bernard Croissy, Biennale des Antiquaires, Parigi, 2006. - Collezione privata. - Vendita Osenat, 9 giugno 2013, lotto 146 (venduto per 312.500 euro). - Collezione privata, Parigi. Opere correlate Scrigno di gioielli dell'imperatrice Giuseppina di Biennais, periodo del Consolato (1802-1804 circa), al Musée national des châteaux de Malmaison et de Bois-Préau (inv. M.M.93.5.1). Molto simile al nostro esemplare, anche se diverso, e certamente più ricco, ma privo di piatti Wedgwood, questo portagioie ha un interno più sofisticato, in quanto funge anche da scrittoio, ed è firmato da Biennais, l'orafo del Primo Console. Le dimensioni sono praticamente identiche: 94 x 49 x 32 cm. Il monogramma di Joséphine "JB" è inciso al centro della piastra ovale che nasconde la serratura. Le parti in acciaio della decorazione, molto simili alle nostre, sono attribuite a Reynard Schey, un produttore di acciaio lucido di Parigi. Nell'inventario dei beni di Joséphine alla Malmaison nel 1814, egli è menzionato nella sua camera da letto: "un tavolino a forma di cassapanca in legno di radica con accessori in acciaio" (al n. 491). Letteratura Catalogo della mostra, Joséphine intime, Musée du Luxembourg, 12 marzo - 29 giugno 2014, RMN, Parigi, 2014, cat. 109. Storia Il nostro notevole piccolo mobile in mogano, tipico del periodo del Consolato, appartiene alla categoria del corredo da viaggio, poiché poteva essere facilmente smontato e trasportato, ma fu anche utilizzato per le necessità quotidiane dell'imperatrice Giuseppina dalla fine del Consolato e durante l'Impero. "Fratello minore" della cassapanca Malmaison (vedi sopra), che è firmata da Biennais ma potrebbe essere stata realizzata anche da Reynard Schey (in tal caso Biennais potrebbe essere stato responsabile solo dell'allestimento interno, più complesso del nostro, e avrebbe apposto la sua firma sulla serratura), anche la nostra cassapanca non firmata può essere attribuita a questi due famosi artigiani parigini. La decorazione, particolarmente raffinata, è costituita da accessori in acciaio lucidato e sfaccettato, una specialità di Schey. Alla fine del XVIII secolo, la lavorazione dell'acciaio, già molto diffusa per la decorazione di mobili e gioielli, assunse un'importanza crescente con le norme rivoluzionarie che vietavano l'uso dei metalli preziosi. Esistono numerosi altri esempi di piccole scatole decorate in acciaio utilizzate da Joséphine, tra cui il set realizzato dall'ebanista Félix Rémond, consegnato nel 1806 e anch'esso conservato alla Malmaison. Lo scrigno della Malmaison è attualmente esposto nella camera da letto dell'imperatrice nello stesso posto che occupava durante l'Impero, quindi è probabile che Joséphine lo usasse quotidianamente e che ne abbia ordinato un altro per i suoi viaggi o semplicemente per contenere la sua grande quantità di gioielli. Era la prima cameriera che si occupava del portagioie dell'imperatrice e ne custodiva la chiave. La passione di Joséphine per i diamanti, i cammei e gli intagli è ben nota, così come gli innumerevoli ornamenti in pietre preziose che indossava come parte della sua toilette.

Stima 60.000 - 80.000 EUR

Marie Eléonore GODEFROID (1778-1849), attribué à. - Ritratto di Maria Giuseppina Luisa di Savoia (1753-1810) come regina di Francia. Olio su tela, non firmato (fodera). N°463 sul retro del telaio. In cornice di legno e stucco dorato. H. 97 x L. 81 cm. Mostra CMN, L'anti Marie-Antoinette, Marie-Joséphine Louise de Savoie. Chapelle expiatoire, Parigi, 5 settembre - 26 ottobre 2019 (in mostra). Provenienza - Vendita Osenat, 10 giugno 2012, lotto 129. - Collezione privata, Parigi. Storia Questo ritratto reale e storico è l'unico olio su tela conosciuto della contessa di Provenza nel XIX secolo. Probabilmente dipinto postumo tra il 1810 e il 1814, poco prima dell'ascesa al trono del marito, il futuro re Luigi XVIII, è stato a lungo considerato perduto. La donna, considerata dai realisti la regina di Francia, è seduta su una poltrona rivestita di un tessuto con un motivo fleurdelisé dorato su uno sfondo blu reale. Vestita con un abito bianco e ornata di perle, indossa un diadema e una fibbia per il corpetto ornata da un fleur-de-lys su sfondo blu. Anche se Maria Giuseppina Luisa di Savoia non fu una delle regine di Francia, poiché morì nel 1810, quattro anni prima dell'ascesa al trono del marito, Luigi XVIII scrisse nelle sue memorie, pubblicate a Bruxelles nel 1833 da Louis Hauman: "L'anno 1810 si rivelò per me sfavorevole, terminando con la morte di mia moglie la regina, che morì a Goldfield Hall il 13 novembre 1810. Questa eccellente principessa, alla quale le nostre disgrazie mi avevano doppiamente legato, le aveva sopportate con un'insolita magnanimità: calma, quando i volgari amici si abbandonarono alla disperazione, non fece mai uno di quegli atti di debolezza che abbassano la dignità di un principe. Non mi diede mai problemi domestici e si dimostrò una regina in esilio come lo sarebbe stata sul trono. La sua dolce allegria mi si addiceva; il suo coraggio, che nulla poteva smorzare, temperava il mio; in una parola, posso dire della regina mia moglie quello che mio nonno Luigi XIV disse del suo quando la perse: "La sua morte è il primo dolore che mi ha dato". La regina, all'età di cinquantasette anni, non aveva solo tutti i miei rimpianti, ma anche quelli dei miei parenti e della nostra servitù. La famiglia reale mi ha prodigato una serie di attenzioni delicate e sostenute in questa occasione. Hanno voluto che le spoglie di Sua Maestà fossero sepolte a Londra con tutti gli onori concessi alle regine di Francia nella pienezza del loro potere. È a Westminster che riposano queste care spoglie; che la terra sia loro lieve! Sono convinto che l'anima che vi abitava dimori ora nelle regioni celesti dove prega con i beati membri della nostra famiglia, per suo marito e per la Francia". Nel 1811, il suo corpo fu trasferito nella Cappella di San Lucifero della Cattedrale di Santa Maria a Cagliari (Sardegna), dove riposa tuttora. La letteratura - Charles Dupêchez, La reine velue, Parigi, Grasset, 1993. - Vicomte de Reiset, Joséphine de Savoie, Comtesse de Provence, Parigi, Emile-Paul Frères, 1913.

Stima 6.000 - 8.000 EUR