Null C.W, Scuola del XX secolo
Vanità con teschio
Scultura a tecnica mista
H. 16…
Descrizione

C.W, Scuola del XX secolo Vanità con teschio Scultura a tecnica mista H. 16 cm Firmata e datata sotto la base "C.W, 1990". Si prega di richiedere i rapporti sulle condizioni prima della vendita: non sono inclusi nei fascicoli.

153 .2

C.W, Scuola del XX secolo Vanità con teschio Scultura a tecnica mista H. 16 cm Firmata e datata sotto la base "C.W, 1990". Si prega di richiedere i rapporti sulle condizioni prima della vendita: non sono inclusi nei fascicoli.

Le offerte sono terminate per questo lotto. Visualizza i risultati

Forse ti piacerebbe anche

Scuola tedesca; XV secolo. "Memento Mori". Legno intagliato in policromia. Presenta restauri. Misure: 17 x 36 x 12 cm. Scultura rotonda in cui si può apprezzare la figura di un piccolo bambino dai volumi delicati e arrotondati, appoggiato a un teschio. L'autore riesce a creare un grande impatto sullo spettatore combinando la presenza di un neonato con quella del teschio, che rappresenta la morte. Si presenta così una scultura in cui si fondono il concetto di vita, che dorme tranquillamente appoggiata alla morte senza esserne consapevole, e di come il pericolo sia in agguato fin dalla prima infanzia. Questa scultura fa parte del genere delle vanità, che era così importante per lui. La caducità della vita era uno dei temi che più preoccupavano gli artisti barocchi. Le vanità denunciano la relatività della conoscenza e la vanità del genere umano soggetto allo scorrere del tempo e alla morte. Il titolo e la concezione sono legati a un passo dell'Ecclesiaste: "vanitas vanitatum omnia vanitas" ("vanità delle vanità, tutto è vanità"). Come nel resto d'Europa, anche in Germania la scultura ebbe un ruolo importante nel corso del XVII secolo. Essa apparve negli spazi pubblici, nei palazzi e nelle residenze private, nelle chiese e nelle cattedrali, negli edifici governativi, ecc. e rifletteva anche un'ampia varietà di soggetti, che andavano dai tradizionali eroi religiosi, mitologici e storici a personaggi famosi, statisti, ecc. Formalmente si tratta di opere dalle composizioni molto libere, sempre caratterizzate dal dinamismo e da una spiccata tendenza all'instabilità della rappresentazione, in linea con il gusto per la linea curva tipicamente barocca. Per questo motivo, le figure, come possiamo vedere qui, sono caratterizzate da ampie pieghe, gesti o composizioni teatrali, rottura della frontalità compositiva, linee dinamiche determinate dall'anatomia e dal movimento, ecc.