Null Bastone da sacerdote ''tunggal panaluan'' in legno
Indonesia, Sumatra sette…
Descrizione

Bastone da sacerdote ''tunggal panaluan'' in legno Indonesia, Sumatra settentrionale, area del lago Toba, Batak, Toba-Batak, XIX o inizio XX sec. H. 164,5 cm Bastone molto elaborato, completamente intagliato. Bastone cerimoniale di un datu di alto rango, mago e sciamano dei Batak del nord dell'isola indonesiana di Sumatra. Il bastone è coronato da una figura equestre con testa in rattan, capelli umani e piume. La figura, probabilmente un antenato di alto rango, siede su un singga, una creatura mitica il cui corpo squamato simile a un serpente corre lungo il bastone e si fonde con il gruppo di figure successivo, composto allo stesso modo. Il muso del singga si posa sulla testa della successiva figura equestre inferiore, da intendersi come un gesto protettivo. Il bastone è realizzato in legno duro scuro e liscio. Al centro del bastone c'è un'area liscia che funge da impugnatura. Il bastone si assottiglia verso la parte inferiore e le figure diminuiscono di conseguenza. L'insieme è un capolavoro di composizione. Questo bastone, che si dice abbia poteri magici, viene utilizzato in numerose cerimonie dei datu ed è anche il loro distintivo di rango. I Batak hanno due tipi di bastone rituale: il tunggal panaluan e il tungkot malehat. Il primo è interamente intagliato per gran parte della sua lunghezza, mentre i tungkot malehat sono intagliati solo nella zona della testa. Non è stato chiarito in modo definitivo se la loro funzione sia diversa. Il datu dei Toba-Batak (noto come guru tra i Karo-Batak indiani e di influenza musulmana) è un uomo di medicina con poteri e abilità magiche, esperto di "magia bianca", che ha il compito di prevenire e curare le malattie. Secondo i Batak, la malattia è provocata dalla perdita dell'anima (tondi), causata dall'opera di spiriti maligni, dalla capricciosità del tondi del paziente o dall'influenza di uno stregone malvagio. Oltre alla sua funzione di guaritore magico, è anche indovino, oracolo e chiaroveggente, pluviometro e disperdente di tempeste. Il datu assicura il benessere del gruppo sociale in virtù del suo accesso alla sfera degli dei e degli antenati ed è quindi una persona di grande prestigio e dignità. Il tunggal panaluan, utilizzato in quasi tutti i rituali, è uno dei più importanti oggetti rituali di un datu e, insieme al corno della medicina, il più importante segno esterno della sua carica. Durante gli atti magici, il datu entra in trance rituale e danza con il tunggal panaluan in mano. Da un'antica collezione privata tedesca, raccolta a partire dagli anni '50 - Minim. Tracce dell'età

1504 

Bastone da sacerdote ''tunggal panaluan'' in legno Indonesia, Sumatra settentrionale, area del lago Toba, Batak, Toba-Batak, XIX o inizio XX sec. H. 164,5 cm Bastone molto elaborato, completamente intagliato. Bastone cerimoniale di un datu di alto rango, mago e sciamano dei Batak del nord dell'isola indonesiana di Sumatra. Il bastone è coronato da una figura equestre con testa in rattan, capelli umani e piume. La figura, probabilmente un antenato di alto rango, siede su un singga, una creatura mitica il cui corpo squamato simile a un serpente corre lungo il bastone e si fonde con il gruppo di figure successivo, composto allo stesso modo. Il muso del singga si posa sulla testa della successiva figura equestre inferiore, da intendersi come un gesto protettivo. Il bastone è realizzato in legno duro scuro e liscio. Al centro del bastone c'è un'area liscia che funge da impugnatura. Il bastone si assottiglia verso la parte inferiore e le figure diminuiscono di conseguenza. L'insieme è un capolavoro di composizione. Questo bastone, che si dice abbia poteri magici, viene utilizzato in numerose cerimonie dei datu ed è anche il loro distintivo di rango. I Batak hanno due tipi di bastone rituale: il tunggal panaluan e il tungkot malehat. Il primo è interamente intagliato per gran parte della sua lunghezza, mentre i tungkot malehat sono intagliati solo nella zona della testa. Non è stato chiarito in modo definitivo se la loro funzione sia diversa. Il datu dei Toba-Batak (noto come guru tra i Karo-Batak indiani e di influenza musulmana) è un uomo di medicina con poteri e abilità magiche, esperto di "magia bianca", che ha il compito di prevenire e curare le malattie. Secondo i Batak, la malattia è provocata dalla perdita dell'anima (tondi), causata dall'opera di spiriti maligni, dalla capricciosità del tondi del paziente o dall'influenza di uno stregone malvagio. Oltre alla sua funzione di guaritore magico, è anche indovino, oracolo e chiaroveggente, pluviometro e disperdente di tempeste. Il datu assicura il benessere del gruppo sociale in virtù del suo accesso alla sfera degli dei e degli antenati ed è quindi una persona di grande prestigio e dignità. Il tunggal panaluan, utilizzato in quasi tutti i rituali, è uno dei più importanti oggetti rituali di un datu e, insieme al corno della medicina, il più importante segno esterno della sua carica. Durante gli atti magici, il datu entra in trance rituale e danza con il tunggal panaluan in mano. Da un'antica collezione privata tedesca, raccolta a partire dagli anni '50 - Minim. Tracce dell'età

Le offerte sono terminate per questo lotto. Visualizza i risultati