1 / 2

Descrizione

Attribuito ad Amico ASPERTINI (1475 - 1552). L'arresto di Cristo. Pannello di pioppo in tondo, grisaglia. Senza cornice. Diam. 33,2 cm. Vecchi restauri. L'episodio dell'arresto di Cristo nell'Orto degli Ulivi, nel momento in cui riceve il bacio di Giuda, si svolge di notte e il notturno è qui evocato dalle torce portate dalle guardie sulla sinistra. A destra, vediamo la lotta tra Simon Pietro e Malchus, spesso raffigurata (Giovanni, 18, 10). Dipinto nei toni del marrone a imitazione del bronzo, il pannello mostra una grande attenzione alla verità archeologica nella descrizione delle armature romane e delle torce, ispirate ai rilievi della colonna di Traiano. È nell'ambiente romano degli allievi di Raffaello che si sviluppa questa ricerca di autentici motivi antichi tratti da scavi - come quelli della Domus Aurea - diffusa, ad esempio, dagli affreschi e dai fregi incisi di Polidoro da Caravaggio. L'attribuzione del nostro dipinto ad Amico Aspertini si basa più sul confronto con i suoi disegni che sui suoi grandi formati a colori. Tuttavia, sono noti alcuni suoi dipinti a grisaglia (catalogo della mostra, Amico Aspertini (1474-1552) artista bizzarro nell'età di Durer e Raffaello, Bologna, Pinacoteca Nazionale 2008-2009, pp. 102-105). Questo pannello faceva forse parte della cornice di una grande pala d'altare, come i due tondi di Polidoro da Caravaggio per la pala della Pescheria (Napoli, Museo di Capodimonte). Esempi simili esistono in Francia (smalti tondi di Jean Fouquet per il dittico di Melun) e in Spagna (tondi di Vicente Macip al Museo del Prado di Madrid). Un disegno di Biagio Pupini (prima del 1511 - dopo il 1575) sullo stesso soggetto, conservato nel Dipartimento delle Arti Grafiche del Louvre (INV 8854, Recto) interpreta la nostra composizione con numerose varianti. Amico Aspertini, figura di spicco della scuola bolognese del primo Cinquecento, si formò con Lorenzo Costa e Francesco Francia. Durante la sua permanenza a Roma, si immerge in Pinturicchio e Filippino Lippi e rimane affascinato dai motivi dell'antichità, che rielabora in un linguaggio unico, violentemente anticlassico e ricco di dettagli stravaganti. Vasari lo descrive come un "uomo capriccioso e dal cervello bizzarro". Negli anni in cui il movimento raffaellesco prese piede a Bologna, egli si oppose a questo stile e sviluppò un manierismo acerbo che guardava più alle incisioni nordiche, come quelle di Dürer. Esperto: Gabinetto Turquin.

Tradotto automaticamente con DeepL.
Per visualizzare la versione originale, clicca qui.

166 
Vai al lotto
<
>

Attribuito ad Amico ASPERTINI (1475 - 1552). L'arresto di Cristo. Pannello di pioppo in tondo, grisaglia. Senza cornice. Diam. 33,2 cm. Vecchi restauri. L'episodio dell'arresto di Cristo nell'Orto degli Ulivi, nel momento in cui riceve il bacio di Giuda, si svolge di notte e il notturno è qui evocato dalle torce portate dalle guardie sulla sinistra. A destra, vediamo la lotta tra Simon Pietro e Malchus, spesso raffigurata (Giovanni, 18, 10). Dipinto nei toni del marrone a imitazione del bronzo, il pannello mostra una grande attenzione alla verità archeologica nella descrizione delle armature romane e delle torce, ispirate ai rilievi della colonna di Traiano. È nell'ambiente romano degli allievi di Raffaello che si sviluppa questa ricerca di autentici motivi antichi tratti da scavi - come quelli della Domus Aurea - diffusa, ad esempio, dagli affreschi e dai fregi incisi di Polidoro da Caravaggio. L'attribuzione del nostro dipinto ad Amico Aspertini si basa più sul confronto con i suoi disegni che sui suoi grandi formati a colori. Tuttavia, sono noti alcuni suoi dipinti a grisaglia (catalogo della mostra, Amico Aspertini (1474-1552) artista bizzarro nell'età di Durer e Raffaello, Bologna, Pinacoteca Nazionale 2008-2009, pp. 102-105). Questo pannello faceva forse parte della cornice di una grande pala d'altare, come i due tondi di Polidoro da Caravaggio per la pala della Pescheria (Napoli, Museo di Capodimonte). Esempi simili esistono in Francia (smalti tondi di Jean Fouquet per il dittico di Melun) e in Spagna (tondi di Vicente Macip al Museo del Prado di Madrid). Un disegno di Biagio Pupini (prima del 1511 - dopo il 1575) sullo stesso soggetto, conservato nel Dipartimento delle Arti Grafiche del Louvre (INV 8854, Recto) interpreta la nostra composizione con numerose varianti. Amico Aspertini, figura di spicco della scuola bolognese del primo Cinquecento, si formò con Lorenzo Costa e Francesco Francia. Durante la sua permanenza a Roma, si immerge in Pinturicchio e Filippino Lippi e rimane affascinato dai motivi dell'antichità, che rielabora in un linguaggio unico, violentemente anticlassico e ricco di dettagli stravaganti. Vasari lo descrive come un "uomo capriccioso e dal cervello bizzarro". Negli anni in cui il movimento raffaellesco prese piede a Bologna, egli si oppose a questo stile e sviluppò un manierismo acerbo che guardava più alle incisioni nordiche, come quelle di Dürer. Esperto: Gabinetto Turquin.

Stima 4 000 - 6 000 EUR

Escluse le commissioni di vendita.
Consulta le condizioni di vendita per calcolare l’importo delle spese.

Spese di vendita: 27 %
Fai un'offerta
Iscriversi all’asta

In vendita il domenica 28 apr : 14:00 (CEST)
louviers, Francia
Prunier
02.32.40.22.30
Visualizza il catalogo Consulta le CGV Informazioni sull’asta

Consegna a
Modifica dell'indirizzo
Questa soluzione di spedizione è facoltativa..
Potete utilizzare un corriere di vostra scelta.
Il prezzo indicato non include il prezzo del lotto o le commissioni della casa d'aste.